Luciana Cortelazzi

AMMUTINAMENTO

Insignificante era lo spirito dei suoi gesti
la fiele ornata a festa,
l'ascensione dei tremiti,
perfino la voce barbara che calava al respiro.

Parlando con noncuranza
chiese agli organi di placarsi infine;
ma la bile non si volle deludere da mancate nozze,
i muscoli non bloccarono l'inerzia del sussultare
e il fiato non volle più correre ad asciugare l'arsura del petto.

Il suono, quello sì, rimaneva,
alito strozzato dalla rivolta,
che leniva con acciaio e miele
dalla soglia della libertà.  

Luciana Cortelazzi